Post

Visualizzazione dei post da 2021

Stanza multisensoriale Snoezelen: cos'è?

Immagine
Il termine “snoezelen” è un neologismo, che deriva dalle parole olandesi “snuffelen” (trovare, esplorare) e “doezelen” (sonnecchiare, pisolare). In linea generale l’intervento in una snoezelen room consiste in una terapia non-direttiva e può essere praticato per offrire un’esperienza multisensoriale o ipersensoriale. In quest’ultimo caso il focus viene orientato su un unico senso semplicemente adattando l’illuminazione, l’atmosfera, i suoni e la consistenza tattile ai bisogni specifici dell’utente. Snoezelen è un tipo di terapia originariamente fondata in Olanda per le persone con disabilità cognitive e di sviluppo. Lo Snoezelen è un approccio pedagogico/terapeutico con lo scopo di promuovere il benessere della persona attraverso la stimolazione multisensoriale modulata (effetti visivi, uditivi, tattili, olfattivi, propriocettivi, vestibolari e gustativi). Utilizzato, appunto, in origine come supporto per arricchire la vita delle persone con gravi disabilità intellettive e permettere d

Sostenere l'apprendimento a casa e nei servizi extrascolastici

Immagine
La motivazione è la chiave fondamentale perché gli studenti siano protagonisti del proprio  processo di apprendimento: è importante che si sentano competenti, pensino di farcela e credano di riuscire. Minacciare o fare ricatti non è in genere un buon modo né per motivare né per scansare le proprie responsabilità; inoltre, fare dei confronti con fratelli o compagni, attiva un sistema di giudizio che alimenta paure e inutili sensi di colpa. (L'ora dei compiti. Come favorire atteggiamenti positivi, motivazione e autonomia nei propri figli di Angelica Moè e Gianna Friso) “Quando proviamo un’emozione, lo stimolo viene elaborato in prima istanza dai centri sottocorticali dell’encefalo (l’amigdala) e provoca una prima reazione neuroendocrina che ha la funzione di mettere in allerta l’organismo. In questa fase l’emozione determina diverse modificazioni nel nostro corpo: per esempio variazioni delle pulsazioni cardiache, aumento o diminuzione della sudorazione. Cosa succede invece nelle nos

Atelier della luce.. a Dubai!

Immagine
Atelier della luce Spesso la scienza o viene omessa nella progettazione delle esperienze per bambini nei servizi 0-6, o viene trasmessa attraverso un insegnamento nozionistico o attraverso dimostrazioni che vogliono concretizzare ed esemplificare soprattutto la nozione che l’insegnante intende fare apprendere. La sfida è quella di proporre ai bambini un approccio alla realtà che dia respiro e senso a un pensiero scientifico che già appartiene naturalmente alla nostra specie ma che va allenato, sostenuto e alimentato attraverso l’offerta di contesti e situazioni specifiche e stimolanti, focalizzandosi su una idea di scienza, che si interroga, si incuriosisce di ciò che non si spiega con il dato percettivo, che va oltre il visibile, va in cerca dei primi dati, ma poi ricerca e riprova, stabilisce connessioni tra ciò che è disgiunto, ne osserva gli esiti e li sviluppa in ulteriori prove, ipotesi, argomentazioni, teorie, cerca confronti per confrontare, confutare,  rendere più  semplice le

Materiali utili - progettare esperienze di gioco sensoriale

Immagine
Fornire opportunità ai bambini di usare attivamente i loro sensi mentre esplorano il mondo attraverso il gioco sensoriale è fondamentale per lo sviluppo del cervello e li aiuta a costruire connessioni neurali; ciò porta alla capacità del bambino di completare compiti di apprendimento sempre più complessi e supporta la crescita cognitiva, lo sviluppo del linguaggio, le capacità motorie grossolane e fini, l'interazione sociale e le capacità di risoluzione dei problemi.  Ho preparato qui una lista di materiali che possono essere utili per progettare delle esperienze sensoriali davvero stimolanti!  (Per correttezza ti comunico che tutti i link sono in affiliati Amazon) Vediamo un po'.. https://www.amazon.it/dp/B00AQURG0Q?ref=exp_influencer-7ae4a44d_dp_vv_d https://www.amazon.it/dp/B00361NV88?ref=exp_influencer-7ae4a44d_dp_vv_d https://www.amazon.it/dp/B08QJ1W6JH?ref=exp_influencer-7ae4a44d_dp_vv_d https://www.amazon.it/dp/B079Z79L2Q?ref=exp_influencer-7ae4a44d_dp_vv_d https://www.a

Intelligenza numerica e abilità matematiche: sappiamo contare fin dalla nascita?

Immagine
"Il mondo è stato creato con delle frasi,  composte da parole, formate da lettere.  Dietro queste ultime sono nascosti dei numeri, rappresentazione di una struttura, di una costruzione  ove appaiono senza dubbio degli altri mondi  ed io voglio analizzarli e capirli  perché l'importante non è questo o quel fenomeno,  ma il nucleo, la vera essenza dell'universo". Albert Einstein L’intelligenza numerica ha la sua articolazione motoria nelle mani. Ciò vuol dire che per stimolare l’intelligenza numerica si dovrebbe “fare” più che “dire”; tant’è vero che anche a livello cerebrale le due aree (quella del linguaggio e quella della cognizione dei numeri) sono distanti tra loro. In realtà la didattica della matematica è spesso veicolata da meccanismi fonologici (cioè da parole): meccanismi della cognizione verbale che non hanno nulla a che fare con i meccanismi della cognizione numerica. Questo è uno dei motivi per cui molti bambini presentano grosse difficoltà in matematica se

5 libri su... Disturbi dello spettro autistico

Immagine
Disturbi dello spettro autistico 1. 10 cose che un bambino con autismo vorrebbe che tu sapessi Se fino a non molto tempo fa si riteneva che l'autismo fosse una "malattia incurabile", oggi, grazie ai progressi della ricerca, la credenza che chi ne è affetto debba rinunciare a una vita significativa e produttiva non ha più ragion d'essere. Ogni giorno, gli individui con autismo ci mostrano che sono in grado di superare, compensare e gestire in modi alternativi molti degli aspetti più difficoltosi della loro condizione e avere una vita realizzata e dinamica. Scrittrice e madre di un bambino con autismo, l'autrice si mette nei panni e nella testa di coloro che soffrono di questo disturbo, immaginando che siano loro stessi a dire agli adulti le "10 cose" essenziali da tenere a mente: 1. lo sono un bambino; 2. I miei sensi non si sincronizzano; 3. Distingui fra ciò che non voglio fare e non posso fare; 4. Interpreto il linguaggio letteralmente; 5. Fai attenzio